La riscoperta di se stessi

 

Adoro il Sole. Sempre di più. Il Sole rappresenta la purificazione, l’energia, la Vita stessa. Quando c’è il Sole tutto appare più bello, I colori sono più vividi, le persone sembrano più felici. E tutto quello non è casuale. Senza l’energia solare la Vita sulla Terra non potrebbe esistere. Sole simboleggia anche il contatto con la spiritualità, con il nostro vero Se che è fatto di Amore Incondizionato, di luce pura. Mentre stavo sdraiata sulla spiaggia leggendo il libro di Daniel Lumera “ I sette passi del perdono”,  arrivai ad un paragrafo dove si parlava del Sole. Mi colpì la spiegazione legata al Sole perché descriveva esattamente quello che avevo riscontrato nelle mie ricerche sui risultati ottenuti dalle persone che seguo.

 

Il punto di vista del Sole

 

 

Lavorando con le persone da tanto tempo ho osservato molto attentamente quello che permette loro di uscire definitivamente dai conflitti nella relazione di coppia, con i genitori, i figli, i parenti, i colleghi. Quello che mi ha colpito nel libro di Lumera era il “punto di vista del Sole”. Diversamente dalla prospettiva della Terra,  dove esistono il giorno e la notte, la gioia e la sofferenza, la vita e la morte, se si osserva la vita dalla prospettiva del Sole cambia completamente quello che si vede. Il Sole non conosce l’alba ed il tramonto.Si apre la possibilità di osservare le dinamiche dei conflitti da un angolo diverso, neutro. La dualità scompare e gli opposti diventano unità. Se partiamo dal presupposto che l’ombra, l’ego (Energia Grossolana Oscura) sia un contenitore dei pensieri e delle emozioni che chiamiamo negativi e che sono stati generati in seguito ad un’ errata interpretazione della realtà che non si ricordava della nostra essenza spirituale, il nostro vero Se che è fatto di amore incondizionato si può collegare con l’energia del Sole. A questo punto possiamo dire che l’ombra esiste per testimoniare la presenza del Sole. La parte oscura che ogni essere umano possiede e della quale è raramente consapevole, permette attraverso la conoscenza, l’accettazione e trasformazione della stessa il contatto con il proprio vero Se. Come dire, per riuscire a sentire il calore del Sole è necessario attraversare la nube nera. Tutto quello che si osserva dalla prospettiva del Sole sembra luminoso. Quando si lavora per superare i conflitti nelle relazioni interpersonali, è necessario attraversare la nuvola nera dell’ego sentendo la carica emozionale che si è generata nel conflitto, lasciarla andare e solo allora assumere la posizione, il punto di vista del Sole. Da quella prospettiva diventa chiaro che ogni persona coinvolta nel conflitto aveva la propria responsabilità, aldilà del ruolo che avevano assunto, vittima oppure carnefice.

 

Il viaggio verso i rapporti armoniosi

 

 

La comprensione dell’accaduto e l’assunzione della responsabilità è l’unica strada per uscire definitivamente dai conflitti nelle relazioni interpersonali. Questo è possibile solamente quando si osserva il conflitto dalla prospettiva del Sole dove non si può più tenere l’accusa nei confronti dell’altro come l’unico responsabile per aver generato il conflitto. Il nostro vero Se è in grado di comprendere che coloro che ci hanno ferito hanno agito non per cattiveria ma per ignoranza (mancanza di conoscenza). Invece l’ego, che non conosce la verità spirituale, è in grado di osservare l’accaduto dalla polarità della vittima accusando gli altri oppure come carnefice caricandosi con i sensi di colpa.

 

Conoscere nuovamente se stessi

 

 

Dalla prospettiva del Sole si ha una visione più piena della Vita. Scompare l’etichetta “buono” e “cattivo”, “positivo” e “negativo”.  Si ha la possibilità di guardare alla sofferenza da un’angolazione totalmente diversa. Si possono osservare coloro che soffrono non più come “poverini” ma come le Anime forti che hanno scelto la sofferenza per imparare ed evolvere. Se assumo una totale responsabilità per quello che mi succede sarò in grado di rispettare anche coloro che stanno soffrendo in questo momento perché divento consapevole della loro scelta di quell’esperienza. Il lavoro su di se dovrebbe portare l’individuo a togliersi dall’identificazione dall’Energia Grossolana Oscura (ego) e di comprendere che non è quell’insieme di emozioni e pensieri negativi che si era costruito mentre interpretava gli eventi in una maniera limitante. E’ inevitabile, prima o poi, intraprendere il viaggio verso la riscoperta di se stessi e rendersi conto che si è nient’altro che il Sole che ha vissuto una grande parte della propria vita dietro la nuvola nera pensando che era quella. Dalla prospettiva della nuvola nera non è possibile uscire definitivamente dai conflitti con gli altri ne essere appagati profondamente e vivere in abbondanza di gioia, salute e amore. Cogliete l’occasione che l’estate offre di assorbire tanta energia Solare e ricordatevi che voi siete quella forza, quell’amore e quella gioia. Riflettete anche che sensazioni si svegliano con la luce del Sole e come appaiono gli eventi se si osservano dalla sua prospettiva . E se vi sentite pronti ad intraprendere il lavoro su di voi e imparare come spostare la nuvola nera, vi aspetto con le braccia aperte per aiutarvi  a sentire sempre di più il calore del vostro Se autentico.http://www.ananadezdic.com/comincia-da-qui-ricordati-chi-sei/

Con amore

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi